recensioni

Bruegel ''terremotato''

di Chiara Zocchi (da GQ.com)

 

Marcello Carrà presenterà ad Artefiera (25-28 gennaio 2013, Bologna), all’interno dello stand della MLB Home Gallery di Ferrara un trittico ispirato a tre opere di Bruegel, (La Torre di Babele, Il Banchetto di Nozze, La Danza dei contadini).

I disegni originali sono stati “terremotati”, i personaggi sono spariti, la zampogna è caduta, i tetti sono crollati, una torre si è sbriciolata, e nel terreno si sono aperte delle fessure, metafora dei tristi “souvenir sismici” lasciati nella zona di S. Carlo (nel modenese).

Il tutto rigorosamente nel suo stile “penna Bic”…

Come mai hai scelto di “terremotare” proprio le opere di Brueguel?

Perché nei capolavori fiamminghi il paesaggio non è uno sfondo accessorio. Lo si può “svuotare” dei personaggi senza che esso perda di carattere e di precisione. Le ambientazioni in Bruegel sono molto particolareggiate, e io sono rimasto fedele agli originali, tranne che per qualche oggetto spostato o lasciato cadere (come la zampogna del suonatore sparito) e per qualche segno di crollo sui tetti.